La nuova JV svela il piano per il riciclaggio delle batterie hi-tech e gli impianti di produzione

L'impianto di riciclaggio entrerà in funzione entro un anno, mentre l'impianto di produzione avanzata di batterie al piombo per produrre un marchio di batterie "Made in UAE" sarà commissionato nei prossimi due anni come parte dell'integrazione verticale e dell'espansione della joint venture.

La joint venture tra Regency Group di Dubai e Seashore Group ha annunciato lunedì i piani per lanciare il primo impianto di riciclaggio delle batterie negli Emirati Arabi Uniti entro gennaio 2023, e il primo impianto di produzione di batterie hi-tech della regione entro due anni. L'inaugurazione di un impianto di riciclaggio di batterie al piombo (LAB) da 70.000 piedi quadrati, primo nel suo genere e completamente integrato - Dubatt Battery Recycling - si è tenuta a Dubai Industrial City. L'impianto di riciclaggio entrerà in funzione entro un anno, mentre l'avanzato impianto di produzione di batterie al piombo per produrre un marchio di batterie "Made in UAE" sarà commissionato nei prossimi due anni come parte dell'integrazione verticale e dell'espansione della joint venture. L'impianto di riciclaggio, distribuito su un'area di 154.000 piedi quadrati e sviluppato con un investimento di 110 milioni di Dh, contribuirà alla politica di economia circolare degli Emirati Arabi Uniti e agli obiettivi di sostenibilità trasformando le batterie usate in lingotti di piombo e chip di plastica per il riutilizzo da parte dei produttori di batterie, hanno detto i promotori. Dubatt è sulla buona strada per essere pienamente operativa entro il gennaio 2023, hanno detto i promotori in un briefing dei media dopo la cerimonia di posa della prima pietra a cui ha partecipato Saud Abu Al Shawareb, direttore generale di Dubai Industrial City. "L'agenda della sostenibilità degli Emirati Arabi Uniti sta catalizzando l'ascesa e l'espansione di imprese innovative che lavorano per ridurre la nostra impronta ecologica attraverso soluzioni sostenibili. Come hub industriale leader della regione, è parte della nostra missione integrare questi sforzi e sostenere la visione della nostra leadership per un futuro pulito, fornendo infrastrutture e strutture che supportano il recupero di materiali pericolosi come il piombo e la plastica in prodotti riutilizzabili", ha detto Al Shawareb. "Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Dubatt Battery Recycling nel nostro crescente elenco di impianti di riciclaggio all'avanguardia che serviranno come un faro di tecnologia verde e apriranno la strada per un futuro sostenibile e sano nella regione", ha aggiunto Al Shawareb. Shamsudheen Binmohideen, presidente del Regency Group for Corporate Management, ha detto che Dubatt è un investimento ispiratore della politica di economia circolare e degli obiettivi di sostenibilità degli Emirati Arabi Uniti. "Una volta completato, agiremo come un riciclatore organizzato e una struttura di gestione dei rifiuti per le batterie ULA, promuovendo così la riduzione dell'impronta di carbonio e del cambiamento climatico", ha detto Binmohideen. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Ali Ibrahim, vice direttore generale di Dubai Economy, l'ing. Saeed Alawadi, CEO, Dubai Industries and Exports, e Giacomo Civitillo, co-fondatore del Gruppo italiano Seri Industrial S.p.A. e CEO di Plant Division. Hasique Pandikadavath, direttore di Dubatt, ha detto che l'impianto di riciclaggio inizierà con un frantumatore di batterie da 10 tonnellate/ora, un fusore da quattro metri cubi e quattro bollitori di raffinazione. La capacità iniziale è di riciclare fino a 25.000 tonnellate metriche di ULABS (batterie piombo-acido usate) all'anno e produrre 14.000 tonnellate di lingotti di piombo e 1.750 tonnellate di chip di plastica che saranno venduti ai produttori di batterie, al settore medico, alla pesca e ad altri settori industriali. Questo rappresenta il riciclaggio di circa il 35% dei rottami di batterie piombo-acido generati negli Emirati Arabi Uniti. "Stiamo progettando di raddoppiare la nostra capacità di riciclaggio entro un anno dalla nostra produzione commerciale e il nostro impianto è costruito con questa disposizione per espandersi. Il nostro piano futuro è quello di istituire un impianto di produzione di batterie al piombo nei prossimi due anni come parte della nostra integrazione verticale ed espansione. Intendiamo produrre presto un marchio di batterie `Made in UAE'", ha detto Binmohideen. La JV sta anche esaminando una partnership tecnologica con Faam Italia, una divisione del gruppo Seri idnustrial S.p.A., per produrre nuove batterie avanzate agli ioni di litio per alimentare veicoli elettrici e altre applicazioni. Pandikadavath ha detto che lo studio ha scoperto che gli Emirati Arabi Uniti producono circa 6.000 tonnellate metriche di batterie al mese e globalmente gli scarti delle batterie non sono trattati in modo ecologico. In molte parti del mondo, le batterie di scarto vengono esportate dopo aver scaricato l'acido nel suolo, il che è estremamente pericoloso ed inquinante per l’ambiente.

https://www.khaleejtimes.com/business/new-jv-unveils-plan-for-hi-tech-battery-recycling-production-plants 


SERI INDUSTRIAL S.p.A. · via Provinciale per Gioia, Centro Az. Quercete snc – 81016 San Potito Sannitico (CE) · P.I. 11243300156 REA CE 314821

C.F. 01008580993 · Capitale sociale Euro 96.640.782,03 i.v.